L’ultimate in Italia continua a crescere! Facciamo i conti

Reading Time: 2 minutes

La Federazione ha recentemente comunicato che i tesserati hanno superato quota 1.100! Si tratta di una quota record per l’Italia, in quanto ad agosto 2016 eravamo in 973 e negli anni passati non si era mai riusciti a superare quota 1.000.

Proviamo a fare qualche conto e qualche previsione: innanzitutto non siamo ancora a fine campionato, quindi potrebbe capitare che prima delle prossime tappe ci siano altre aggiunte. Poca roba però. Ipotizziamo di arrivare ad agosto 2017 con 1.150 tesserati.

Rispetto ai 973 del 2016, si tratta di un aumento del 15% circa. Immaginiamo che questo valore sia confermato anche il prossimo anno. Ci sono tutte le basi perché questo avvenga. In molte città si sta investendo molto sulla promozione nelle scuole (Bologna, Rimini, Milano, Padova, Como per citarne solo alcune) e poi non bisogna dimenticare quelle città in cui stanno nascendo nuove squadre (come Bolzano o Genova di cui abbiamo recentemente parlato). Senza parlare di quelle città dove il movimento junior ancora non c’è ma su cui si sta lavorando: Torino, Cremona, Modena. Quindi potremmo trovarci tra un anno con 1.350 tesserati. E nel giro di 3 anni sfiorare quota 2.000!

Un sogno? Crediamo siano cifre realistiche. L’età media si è estremamente abbassata in questi anni. I nuovi giocatori hanno dunque di fronte a sé 10 se non 15 anni di attività agonistica. Non si tratta di universitari che potrebbero trasferirsi per lavoro una volta laureati o di adulti che potrebbero smettere per motivi di famiglia.

E’ vero che ci sono anche alcune squadre in difficoltà, che potrebbero rischiare di scomparire o comunque ridurre i propri numeri. Ma nel complesso c’è fervore, il movimento sta crescendo, in alcune città anche in maniera esponenziale.

Senza contare poi tutta la “giungla” dei giocatori che non vengono tesserati per le motivazioni più disparate (discontinuità ad allenamento, non disponibilità nel giocare nei week end o altro).

I margini per crescere ci sono. Bisogna solo darsi da fare. Tutti.

Piero Pisano
Piero Pisano

...appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente. Tutto per un disco di plastica...