Gatti volanti e kebab per cena: a Vicenza arriva il Magna G’hat 2.0

Reading Time: 2 minutes

In uno sport che, in Italia, è dominato dalla figura del “cane” (nomenclatura rifiutata dalla larga platea degli amanti del bell’ultimate d’oltreoceano) non poteva mancare un torneo di nome Magna G’hat, con tanto di gatto volante acchiappadisco come foto dell’evento. A Vicenza a giugno prenderà vita l’edizione 2.0: ne parliamo con Marco Zampese, dei Frisbaobab Ultimate Vicenza.

L: Da dove nasce l’idea del Magna G’hat 2.0 e cosa sta dietro a questo nome curioso?
M: Tre anni fa ci fu proposto di organizzare un torneo di ultimate nel contesto di una sagra. Il problema fu che il tutto ci venne comunicato con due sole settimane d’anticipo e i partecipanti furono solo trenta… Per la seconda edizione, con una maggior cura nell’organizzazione, il numero dei partecipanti è salito a cinquanta. L’obiettivo che ci siamo posti quest’anno è quello di arrivare a ottanta partecipanti. Per quanto riguarda il nome, la storia affonda le radici nel mito popolare: sorge tutto da una discussione avvenuta con alcuni ragazzi di Padova, i quali sostengono che i vicentini siano noti per mangiare i gatti, da qui “Magna Gat”. Infine, la trovata di sostituire Gat con G’hat, dato il formato del torneo…

L: Edizione 2.0: cosa dobbiamo aspettarci da questo upgrade?
M: Il torneo si svolgerà il 3 e 4 giugno a Vicenza e il costo sarà di 25 euro. Aver portato i giorni del torneo a due per un torneo hat 7vs7 è un gran bel risultato. Saremo il primo torneo italiano a offrire ai partecipanti una cena a base di kebab, anche se non possiamo svelare il tipo di carne… (amici vegetariani e vegani non preoccupatevi, ci sarà un’opzione riservata a voi). Ci sarà un party con live music, il cui tema rimane un segreto. La novità del nostro party sarà la cosiddetta “Drink-Hard” (ci piacciono i giochi di parole): una tessera pensata per rendere il party più movimentato. Ultimo ma non ultimate, il torneo di Spikeball, contemporaneo alle partite: sarà gratuito per chi già si è iscritto al torneo hat; chi non partecipa al torneo potrà prendere parte al torneo di Spikeball e con soli 10 euro saranno inclusi vitto e alloggio.

L: Come stanno andando la preparazione e il reclutamento?
M: Molto bene, abbiamo distribuito volantini durante le tappe di Serie C e D. E’ bello sentire che si parla del torneo via passaparola. Abbiamo anche due adesioni dall’estero!

L: Tre motivi per partecipare al Magna G’hat?
M: La cena innovativa; l’hat di due giorni, che darà la possibilità di conoscere tante persone. Infine, diciamolo: questo torneo ha un bellissimo nome!

Lorenzo Bandini
Lorenzo Bandini

Rock n'roll, un disco dopo l'altro, tra un libro e l'altro.