Curif 2017. Federico Leali: “Un torneo con un buon livello di gioco e con tanto divertimento”

Ammettiamolo: non vediamo l’ora che sia luglio per metterci alla guida delle nostre auto, arroventate dal sole estivo, per andare verso il mare. Caldo, code interminabili, parcheggi, la compilation del Festivalbar 2005 in loop per tutto il viaggio… Anche no. Ma non sarebbe meglio una bella sosta al lago? Se poi c’è una squadra come i Bubba di Brescia che già da sei anni sulle rive del lago di Garda organizza un torneo di ultimate, il Curif, non si può perdere l’occasione. Noi di Itadisc abbiamo parlato con l’organizzatore, Federico Leali.

L: Il Curif è diventato ormai uno dei tornei più importanti nel panorama italiano: in questa edizione si cercherà di privilegiare la competitività o di creare un torneo che guarda molto al divertimento fuori dai campi?
F: Si cercherà di trovare un equilibrio sostanziale tra questi due poli. Se è vero che il Curif è nato come torneo “Just for fun”, c’è anche da dire che nelle ultime due edizioni il livello di gioco si è alzato considerevolmente. La competitività non è il parametro primario con cui vengono selezionate le squadre partecipanti ma, rispetto alle edizioni passate, comincia ad assumere un suo peso. Un buon indicatore di questo salto di qualità è rappresentato anche dall’affluenza che c’è stata per la finale della scorsa edizione, con le tribune riempite dai partecipanti che si sono goduti un bellissimo match. Puntiamo a dare un valore sia a quello che accade in campo, sia a quello che accade fuori, a partire dalla bellissima location, letteralmente a due passi dal lago.

L: Parlaci un po’ del torneo.
F: Il Curif 2017 si svolgerà nella consueta, bellissima località di Toscolano Maderno, sulle rive del Lago di Garda, l’8 e 9 luglio. Per la prima volta proponiamo un torneo Mixed (le scorse edizioni il formato era Loose-Mixed): siamo veramente molto soddisfatti di questo risultato. Vogliamo dare al nostro torneo un volto inedito: un evento che valorizzi i sapori e i valori locali e che sia, per quanto possibile, a impatto zero. Saranno a km0 la birra e il vino, così come lo spiedo che sarà servito per cena; saranno limitati i consumi della plastica. Il tema di quest’anno sarà “Game of Thrones”, in concomitanza con l’uscita della nuova stagione. Scenografie, costumi speciali e altre sorprese top secret attendono i partecipanti…

L: Commenta la scelta di dare molto spazio alle squadre straniere.
F: Abbiamo deciso di inserire un largo numero di team stranieri per cercare di dare un incentivo alle squadre italiane: sarà sicuramente stimolante incontrare sui campi volti nuovi. Per quanto riguarda la scelta dei partecipanti, non nascondo che sia davvero un compito difficile: si è costretti a dire no ad amici di lunga data; prendere decisioni che soddisfino tutti, soprattutto in un torneo dai posti limitati come il nostro, diventa davvero un’impresa. Ci auguriamo che le squadre possano capire le nostre decisioni.

L: Qual è l’obbiettivo principale dell’organizzazione per questo Curif 2017?
F: Per noi è sicuramente quello di riuscire a lavorare in maniera migliore e più efficace, evitando il più possibile errori organizzativi, sprechi di tempo e forze inutili. E poi, non secondariamente, dare alle squadre un torneo a un buon livello con la possibilità di godersi il territorio e di divertirsi nei momenti di svago.

Lorenzo Bandini
Lorenzo Bandini

Rock n'roll, un disco dopo l'altro, tra un libro e l'altro.