La storia segreta del frisbee: Nazca

Reading Time: 1 minute

Nazca, 300-500 a.C. Le famose linee, probabilmente “tracciate rimuovendo le pietre contenenti ossido di ferro […] lasciando così un contrasto col pietrisco sottostante” (wikipedia.org), continuano ad esercitare un enorme fascino. Nell’immagine, uno dei disegni meno noti ma certamente più suggestivo: la frizbeesta. Il disegno rappresenta una ragazzona (145×145 m!) che, a seguito di una pesante litigata col proprio fidanzato, decide di porre fine alla discussione impugnando un piatto (fondo, come si può ben notare dalla foto, scattata alla fine degli anni ’60) per lanciarlo a mo di “dizco” (termine del peruviano antico dall’oscuro significato) verso la fronte del proprio compagno. Secondo la leggenda, l’uomo riuscì ad afferrare al volo il piatto e, furioso, lo rilanciò in direzione del naso della compagna: questa fu a sua volta abile a bloccare l’oggetto e a rilanciarlo. E così via per molte ore. Sfiniti ma finalmente riappacificati, i due sancirono la ristabilita tranquillità domestica con un piatto di pazta, piatto tradizionale dell’epoca.

Dj Pinu
Dj Pinu

Dj Pinu "è un prodotto della mente. Anzi, ha prodotto della menta ma non era autorizzato per cui l'hanno imprigionato". Ultratrentenne, bolognese di adozione, pur sapendo poco o niente di musica, ha sempre desiderato scriverne. Il sogno - si vocifera solo perchè amico del direttore - si è finalmente avverato.