Regionals women: 3 Italiane andranno a Berna

Reading Time: 2 minutes

I Regionals sud women si terranno a Berna, in Svizzera, e vedranno la partecipazione di 3 squadre italiane: le Shout, le Discobolo e le Hub. Andiamo a scoprire insieme a loro come si presenteranno all’appuntamento.

Discobolo. <Abbiamo un organico di 13 ragazze, comprese 2 esterne> ci spiega Alba Kellezi. <Ci sono assenze importanti per infortunio e problemi di lavoro ma eravamo comunque intenzionate a non perdere l’occasione di partecipare ad un evento così importante che ci siamo guadagnate dopo un anno di crescita. Proveremo a dare il meglio di noi anche se sappiamo che difficilmente faremo risultato. Per prepararci abbiamo fatto un richiamo di preparazione atletica e inserito alcuni accorgimenti tattici mirati. Dopo i regionals, rallenteremo e ci concentreremo sull’inserimento in squadra di eventuali nuove giocatrici>.

Shout. <Saremo le Shout del campionato> ci racconta Laura Farolfi <con 3 assenze a causa di infortuni, erasmus e problemi di lavoro. Alle 20 ragazze che andranno a Berna valuteremo se aggiungere delle esterne dopo la qualificazione, che rimane il nostro obiettivo, possibilmente vincendo il regionals in modo da avere il seeding migliore alla champions. Sarà un Regionals difficile, oltre alle squadre italiane temiamo le Yaka e le Fab, ma siamo determinate per raggiungere il nostro obiettivo. Ci siamo allenate fino a fine luglio, poi nel periodo di agosto ci siamo tenute in forma individualmente e quest’ultima settimana stiamo facendo l’ultimo rodaggio tutte assieme. Come già più volte segnalato alla Federazione Europea, avere il Regionals l’ultima settimana di fine agosto è scomodissimo a nostro avviso, sia per le vacanze di molti giocatori sia perchè gli impianti sportivi sono chiusi per cui è veramente difficile potersi allenare decentemente, aumentando così il rischio di infortuni. Non a caso altre regioni d’Europa hanno già effettuato il proprio Regionals, le qualificate hanno addirittura già prenotato vitto e alloggio per la Champions e si stanno allenando per l’appuntamento. Purtroppo ci viene sempre risposto che non è possibile fare diversamente, anche se crediamo sia fattibile posticiparlo o ancora meglio anticiparlo a fine luglio. Comunque siamo tutte molto cariche e daremo il massimo>.

HUB. Alla loro prima apparizione nel campionato italiano si qualificano per la Champions: <Abbiamo saputo di avere lo spot per i Regionals molto tardi per via di alcune rinunce> parla Sara Casali, uno dei capitani e fondatori della squadra <ma siamo comunque riuscite ad organizzarci per partecipare. Eravamo solo 9 ad essere disponibili, molte si erano già organizzate diversamente tra vacanze, studio e lavoro. Abbiamo cercato alcune esterne ma moltissime giocatrici erano già impegnate con le rispettive squadre. Siamo comunque riuscite a trovare 2 ragazze di Torino e 1 ragazza di Genova. Sarà con noi anche il nostro allenatore, Massimo Calzà. Visto il poco tempo a disposizione, non siamo riuscite ad allenarci assieme e ogni giocatrice si è allenata individualmente o col proprio club. Siamo tutte molto cariche e vogliamo sfruttare l’occasione, non abbiamo un obiettivo particolare ma vogliamo dare il massimo e dimostrare il nostro valore anche a livello Europeo>.

Piero Pisano
Piero Pisano

...appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente. Tutto per un disco di plastica...