La storia segreta del frisbee: le Fanciulle in bikini di Villa del Casale

Reading Time: 1 minute

Armerina, 320-370 d.C. Situato sul lato sud del grande peristilio (peri che?) della Villa romana del Casale in Sicilia, il mosaico “Fanciulle in bikini” è particolarmente famoso e celebrato. Si tratta di otto figure femminili impegnate nelle più svariate discipline. Sorprendono lo sguardo, l’orgoglio e la sicurezza di queste giovani donne, che danno l’impressione di divertirsi. Tra gli sport praticati, come appare ben visibile nell’immagine qui sopra, anche il frisbee: capelli raccolti, posa plastica, la ragazza potrebbe essere in procinto di lanciare il disco di terracotta smaltata, sul quale è incisa una croce. Un fondamentale che probabilmente non le riusciva appieno, data la posa della compagna di fronte, che pare proteggersi il volto. È in ogni caso un reperto di straordinario valore: testimonia infatti la trasversalità del frisbee che all’epoca dell’Impero romano viene sdoganato e aperto anche all’universo femminile. Per la gioia di Catilina. Che però era un uomo. Misteri della storia.

Dj Pinu
Dj Pinu

Dj Pinu "è un prodotto della mente. Anzi, ha prodotto della menta ma non era autorizzato per cui l'hanno imprigionato". Ultratrentenne, bolognese di adozione, pur sapendo poco o niente di musica, ha sempre desiderato scriverne. Il sogno - si vocifera solo perchè amico del direttore - si è finalmente avverato.