L’Italia U24 si aggiudica la Coppa 5 Nazioni

Reading Time: 2 minutes

Solo una piccola sbavatura nell’ultima partita di girone. Per il resto, sono arrivate solo vittorie. Dopo l’ottima prestazione di questo weekend per i nostri azzurri, abbiamo intervistato Massimo Vagliviello e Arturo Laffi per avere qualche impressione a caldo da parte dei capitani.

La giornata di domenica inizia per gli azzurri con l’ultimo match di girone: l’avversario è la Germania. La partita è probabilmente la più bella e più combattuta di tutto il torneo. L’Italia non riesce ad allungare e i tedeschi rimangono sempre col fiato sul collo. Nel finale di partita, però, sono loro ad avere la meglio, chiudendo i giochi 13-14.

A questo punto, finite tutte le partite di girone, la finale della Coppa sarebbe nuovamente Italia-Germania… ma gli allenatori si accordano per giocare con un nuovo avversario, e così le ultime 2 partite del torneo amichevole sono: Italia-Gran Bretagna e Germania-Austria.

E gli azzurri si riconfermano, come già dimostrato sabato, superiori agli inglesi: 15-12 è il risultato finale.

Sentiamo i commenti di 2 capitani della squadra che abbiamo intervistato per l’occasione.

Massimo Vagliviello: Per quanto riguarda la difesa siamo soddisfatti, possiamo dire che sia il nostro punto di forza. Abbiamo la nostra difesa a uomo FM e le zone che funzionano bene. Riusciamo a prendere bene le misure sugli avversari e a fare cadere il disco. Inoltre siamo molto migliorati nella parte offensiva, abbiamo buone intese già rodate e riusciamo a far avanzare il disco senza troppi problemi. Un aspetto su cui invece dobbiamo ancora lavorare è la mentalità: non riusciamo a garantire 100 minuti ad un livello costante, purtroppo abbiamo ancora qualche calo durante le partite. A livello tattico, invece, dobbiamo migliorare la gestione del disco: avendo molti schemi di gioco con un solo portatore, ogni tanto ci dimentichiamo le varie giocate che si usano abitualmente tra portatori per tenere vivo il disco. E anche davanti alla meta dobbiamo essere ancora più lucidi e cinici.

Arturo Laffi: Come linea di attacco anche noi siamo complessivamente contenti, ma quando il livello di difesa si alza, andiamo in crisi con i meccanismi di reset: se ci chiudono bene le soluzioni del portatore, ci viene da rischiare e spesso sbagliamo. Questo si è visto soprattutto nella partita contro la Germania, dove abbiamo dato via dei dischi, almeno 4, che ci saremmo dovuti tenere in mano. Contro Austria e Svizzera invece siamo andati via più lisci: purtroppo non siamo mai riusciti a tenere il 100% e abbiamo subito almeno un breack in tutte le partite. Ma in generale abbiamo sempre un calo all’inizio del secondo half, dove rientriamo in campo scarichi o poco concentrati. Su questo dobbiamo lavorare. C’è comunque una buona alchimia in squadra, l’umore è alto viste anche queste ultime vittorie.

Piero Pisano
Piero Pisano

...appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente. Tutto per un disco di plastica...