Boicottaggio AUDL. Cosa sta succedendo negli USA?

Reading Time: 1 minute

In questi giorni (probabilmente alcuni di voi lo hanno già letto) è in corso una campagna di boicottaggio all’Audl, la lega semi-professionistica americana nata pochi anni fa. Il motivo? L’uguaglianza di genere. Proviamo a fare chiarezza.

Iniziamo dicendo che, da sempre, alcuni giocatori di ultimate non hanno mai visto di buon occhio la Audl… un po’ perchè la Audl ha introdotto gli arbitri, un po’ perchè ha trasformato troppo questo sport in business, forse anche un po’ per invidia. Sta di fatto che, da qualche giorno, è stata lanciata una campagna di boicottaggio nei confronti della lega americana.

Tutto inizia i primi giorni di dicembre quando un gruppo di giocatori (sia interni che esterni alla Audl) lancia una raccolta firme con questo annuncio: “Crediamo che uomini e donne debbano avere uguale spazio ai massimi livelli del nostro sport. Se la Audl non assicura una equa presenza di uomini e donne nel 2018, non giocherò le partite e non le guarderò, evitando anche gli eventuali contenuti televisivi o sui social”.

Bisogna ricordare che attualmente non esiste alcuna restrizione nella Audl per la presenza femminile, nel senso che possono essere tranquillamente schierate in campo. Nonostante questo, solo una giocatrice, Jesse Shofner, è mai stata inserita in un roster di qualche squadra. Che tra l’altro è tra le promotrici del boicottaggio.

La risposta della Audl non si è fatta attendere: nei giorni successivi è stata annunciata l’intenzione di creare una lega femminile già dal 2018, con 7/9 partite, alcuni live sulle tv e sui social, oltre a tutta una campagna di promozione correlata, per pubblicizzare e diffondere la nuova lega.

Vedremo come andrà a finire questo braccio di ferro: intanto, per chi volesse approfondire, vi lasciamo questo link con tutti gli articoli di Skyd Magazine sull’argomento. Buona lettura

 

 

 

 

Piero Pisano
Piero Pisano

...appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente. Tutto per un disco di plastica...