La finale che tutti abbiamo sognato

Neppure un regista del calibro di Tarantino sarebbe riuscito a realizzare una trama e un montaggio migliore: i mondiali under 24 di Perth ci stanno regalando enormi emozioni.

Non stiamo neanche a dirvelo, tanto lo sapete già: l’Italia è in finale ai mondiali U24. Un risultato immenso, indescrivibile, sperato e sognato mille volte. E ora è diventato realtà.

Domani notte, alle 3, sul canale youtube della WFDF assisteremo alla finale contro, come da copione, gli USA. Ma è il copione della nazionale italiana quello che a noi interessa. E proviamo a ripercorrerlo qua.

Si parte (come in Kill Bill), dal primo avversario della lista: parcheggiamo sulla strada, scendiamo tranquilli, bussiamo educatamente e… SBAM!!! Subito una partita all’ultimo sangue contro il Giappone. Non poteva esserci inizio più traumatico. Vinciamo allo universe una partita tiratissima e durissima, che ci fa entrare subito in modalità Super Saiyan.

Poi la tensione cala, affrontiamo due piccoli ostacoli lungo il cammino ma, da casa, gli spettatori sapevano già come sarebbe andata a finire. Tutto nella norma.

Arriviamo quindi primi di girone e i nostri protagonisti sono belli gasati e pieni di aspettative. E qua arriva il colpo di scena.

Anche se siamo entrati come favoriti nelle prime 8 squadre del mondiale, ora che affrontiamo solo i “mostri” al nostro livello, arrivano l’imprevisto.

L’avversario è la Germania (con cui scontiamo una serie di precedenti sfavorevoli) e vogliamo ad ogni costo interrompere la tradizione.

La partita è durissima e soprattutto… lunghissima. Sul 14 pari ci troviamo in uno stallo alla messicana come nel film “Bastardi senza gloria” nella scena della locanda.

Lo universe point dura oltre 20 minuti, tra chiamate, contestazioni e grandi giocate difensive. Ma alla fine la spuntano i tedeschi.

Lo schock è devastante. Servirebbe l’intervento di Mister Wolf, per risolvere i problemi, ma non possiamo farlo arrivare in Australia in tempo per le 2 partite successive.

Così perdiamo anche la partita successiva contro GB e non riusciamo ad arginare minimamente lo strapotere degli USA.

Ci troviamo ultimi nel girone dei boss, e ci tocca il percorso più lungo per arrivare a destinazione. Ma come in tutte le trame che si rispettino, è proprio attraversando gli inferi che i nostri eroi riusciranno a raggiungere il paradiso.

Siamo in piena notte, la nostra vettura sembra fuori controllo, dobbiamo affrontare la “bamba” colombiana e possiamo contare solo sulle nostre forze. Raccogliamo ogni singola energia a disposizione riusciamo a risollevare la nave che stava affondando.

Ora abbiamo tutta l’adrenalina in corpo, abbiamo preso la rincorsa lunga ma ci è servito per avere un migliore slancio: affrontiamo nuovamente il Giappone senza problemi e ci ritroviamo nuovamente la Germania davanti, la stessa squadra che ci aveva mandato negli inferi.

Stavolta non possiamo sbagliare, abbiamo tutte le precedenti sconfitte da vendicare e dobbiamo assolutamente portarci a casa lo scalpo.

Detto fatto. Partiamo alla grande, travolgiamo gli avversari che lasciamo senza scampo (e senza scalpo): 15-7 il risultato finale.

E adesso è il turno del mega-mostro finale: gli Usa. Strano. La squadra temuta da tutti ad un mondiale. Molti di voi che state leggendo magari hanno già avuto l’onore di giocarci contro durante una competizione passata. Ma nessuno ha avuto la possibilità di affrontarli in finale. Sul loro terreno preferito. I nostri eroi sono i primi che potranno farlo.

Per assistere al “final round” dovremo andare sulla pagina youtube della WFDF alle 3 di mattina e tifare per i nostri spartani. QUESTA E’ L’ITALIA!!!

 

Piero Pisano
Piero Pisano

...appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente. Tutto per un disco di plastica...