La storia segreta del frisbee: la nascita di Venere

Reading Time: 1 minute

Firenze, 1482-1485 circa. Una donna bellissima (per i canoni estetici dell’epoca) avanza su una conchiglia fluttuante; sulla sua destra Zefiro – il Superman rinascimentale – ha appena salvato una fanciulla dall’insidioso Mediterraneo e sputa un po’ dell’acqua che ha bevuto immergendosi addosso alla giovane dalla fulva chioma; alla sua sinistra un’ambulante dell’epoca offre, per un paio di fiorini, un telo da spiaggia. È Sandro Botticelli, detto il Bischero, a ritrarre così l’arrivo della dea sull’Isola di Cipro nella celebre Nascita di Venere: una divinità particolarmente distratta (o esibizionista) che tenta di coprire le vergogne con mani e… frisbee. Dove non osano i lunghi e dorati capelli, può il magico disco, azzurro come il mare e tondo come i seni della statuaria creatura. La quale comunque mostra dei piedi terribili. Forse per colpa di lunghe corse affannate dietro dischi caduti, mani sempre più ansiose di prese proibite, le imprecazioni stonate urlate al cielo lassù, chi arriva prima in meta…

Dj Pinu
Dj Pinu

Dj Pinu "è un prodotto della mente. Anzi, ha prodotto della menta ma non era autorizzato per cui l'hanno imprigionato". Ultratrentenne, bolognese di adozione, pur sapendo poco o niente di musica, ha sempre desiderato scriverne. Il sogno - si vocifera solo perchè amico del direttore - si è finalmente avverato.