Le Donkey Ladies cambiano volto

Iniziano con la femminile di Milano la nostra serie di interviste alle squadre italiane che si stanno preparando per i campionati italiani 2019. Scopriamo le novità delle Donkey Ladies

E’ una vera e propria squadra rivoluzionata quella delle Donkey Ladies per la stagione 2019. Dopo la retrocessione dell’anno scorso, ora le milanesi hanno un nuovo allenatore, 2 giocatrici campionesse europee provenienti dalle Shout (Francesca Sorrenti e Caterina Hu Lazzari) e tante nuove avversarie da sfidare.

Abbiamo intervistato Gianluca Rabellino detto Jam, (il nuovo allenatore) per farci raccontare cosa è successo in questi ultimi mesi: <Si può dire che questo nuovo progetto nasca da una totale casualità di differenti eventi: partendo dal passato, Aud (il precedente allenatore) ha mantenuto vivo un gruppo che negli anni ha visto passare diverse ragazze, sia ex giocatrici che nuovi innesti dal Cus. Dopo la retrocessione la notizia che il coach che non avrebbe potuto allenare ancora aveva portato ancora più nell’incertezza la situazione. Un giorno parlando col presidente Davide Tremolati “Tranfo” mi convinsi, non che ci volle molto a dire il vero, di prendere il mano il nuovo progetto della femminile>.

<Da subito ebbi un grande entusiasmo a pensarmi come loro allenatore . C’era tanto su cui lavorare e speravo che le ragazze avessero voglia di accettare la sfida. Il gruppo sarebbe stato davvero vario: 2 ragazze Bolognesi campionesse europee, una nuova ragazza californiana e una di bogotà, 5 giocatrici di Milano, 9 ragazze del Cus con appena 1 anno di esperienza, 2 15enni promettenti U17 e proprio ora arriva fresca fresca una ragazza di Padova con appena 6 mesi di esperienza. Un progetto folle a pensarci bene. Eppure dal primo allenamento hanno iniziato a lavorare sodo. Hanno capito che essere finalmente unite nella fatica e nel sacrificio richiesto dal campo era la più grande soddisfazione che si potesse provare. Siamo ripartiti dalle radici azzerando tutto. Stiamo dando un nuovo approccio al metodo d’allenamento mantenendo un alto ritmo sui fondamentali e in tutto quello che viene proposto. Le due ragazze di Bologna mi stanno dando una mano in questo, la loro esperienza è fondamentale. Con il loro esempio in squadra danno motivazione e quella carica in più che mancava da tempo. Lavoriamo anche sotto l’aspetto mentale, voglio che le ragazze siano sempre pronte a reagire di fronte alla fatica e agli errori come un’opportunità di miglioramento senza vederne mai l’aspetto negativo. Tutte stanno dando l’anima. Nell’impegno non c’è differenza tra chi si allena da anni e ha magari giocato in nazionale, e chi invece arriva dal mondo dei junior o gioca da poco. C’è grande sintonia. Questo clima ci sta permettendo di lavorare molto bene e migliorare tantissimo, perché l’obiettivo è alto. Vogliamo tornare in serie A>.

Piero Pisano
Piero Pisano

...appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente. Tutto per un disco di plastica...