Niente ultimate frisbee alle olimpiadi 2024

Reading Time: 2 minutes

Vi sintetizziamo il comunicato stampa del presidente delle federazione mondiale, Robert L. “Nob“ Rauch, dopo la notizia che l’ultimate frisbee non sarà alle olimpiadi 2024.

Il 21 febbraio 2019 la federazione mondiale (WFDF) ha ricevuto la notizia che l’ultimate frisbee non è stato selezionato tra i nuovi sport per l’edizione 2024 di Parigi. Sono stati invece selezionati il surf, lo skateboard, l’arrampicata e la breakdance.

<E’ stato un onore far parte del gruppo degli sport papabili per il riconoscimento olimpico> ha dichiarato il presidente Robert L. “Nob“ Rauch <e facciamo le congratulazioni ai 4 sport che ha ottenuto questo traguardo. La scelta del comitato olimpico è stata quella di non inserire sport di squadra ma solo sport individuali, più facili da gestire a livello logistico per gli organizzatori. Abbiamo comunque imparato molto da questa esperienza e ora lavoreremo per l’ingresso alle olimpiadi 2028 di Los Angeles>.

Aggiungiamo qualche considerazione non ufficiale: solitamente, quando vengono inseriti nuovi sport, ha molto peso il luogo in cui sono organizzate le olimpiadi. In che senso? Nel senso che, alle olimpiadi 2020 di Tokyo è stato ad esempio inserito il karate, molto diffuso in Giappone, così come il baseball e softball.

In Francia l’ultimate frisbee non aveva il peso sufficiente (non c’erano abbastanza interessi ad inserirlo)… mentre invece l’edizione di Los Angeles 2028 sembra decisamente più alla portata, vista la crescente diffusione del nostro sport in america.

Bisogna considerare infine che quasi sicuramente la versione introdotta sarebbe quella mixed (per ridurre il numero di squadre, troppo numerose se ci fosse sia la divisione maschile e femminile), che parteciperebbero solo le nazioni più forti al mondo (come già avviene per i world games dove l’ultimate frisbee è presente da anni) e che bisogna prima avere un riconoscimento dal CONI, il nostro referente nazionale delle olimpiadi, per partecipare come Italia.

Il cammino è ancora lungo… ma un inserimento del nostro sport in una vetrina così importante porterebbe sicuramente tanta visibilità pure in Italia, anche senza la presenza della nostra nazionale.

 

 

Piero Pisano
Piero Pisano

...appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente. Tutto per un disco di plastica...