Gabriele Calarota: “I Discobolo vogliono il massimo”

Gabriele Calarota è il capitano-allenatore dei Discobolo (insieme a Eugenio Baglione). Lo abbiamo intervistato per farci raccontare come è andata la Coppa Primavera e quali sono i loro obiettivi stagionali.

P: Alla Coppa Primavera avete giocato contro il Cotarica. Siete riusciti a rifarvi dopo la sconfitta dell’anno scorso alle finali di campionato?
G: Purtroppo no. Siamo venuti alla Coppa Primavera con l’intento di provare una nuova zona e valutare alcuni nuovi giocatori: non abbiamo cercato di vincere a tutti i costi le partite, ma provare e riprovare i nostri schemi. Abbiamo capito cosa non funziona e cosa modificare: questo è il risultato migliore che abbiamo ottenuto. Poi il 4° posto fa comunque morale.

P: Avete dunque nuovi giocatori?
G: Un po’ di ricambio c’è ogni anno. Tra chi smette, chi va a studiare un anno all’estero, chi non riesce più allenarsi per altri motivi. Per fortuna abbiamo i nostri Rookies che l’anno scorso hanno giocato in serie C. Abbiamo fatto salire in prima squadra diversi giovani su cui puntiamo: Giovanni Fostacchini, Matteo Dibetto, Fabio Ravanini. Il nucleo di base di 10/12 giocatori è comunque rimasto lo stesso della scorsa stagione.

P: Come sono andate le altre partite alla Coppa Primavera?
G: Abbiamo perso di 1 punto contro gli Zero51, partita molto tirata e sentita. Sono stati bravi loro nel finale a beffarci. Poi abbiamo perso di 3 contro La Fotta White, è veramente difficile fargli un breack, il loro attacco non ha sbagliato nulla. E contro Padova abbiamo vinto, riuscendo ad allungare nel finale dopo una partita punto a punto. Dall’avulsa del girone siamo passati noi come 2° e abbiamo affrontato il Cotarica per la finale 3-4 posto. L’anno scorso in campionato li abbiamo battuti durante la regular season e poi abbiamo perso la finalina di 1 punto, con noi in vantaggio di 5. Volevamo prenderci la nostra rivincita ma non ci siamo riusciti.

P: Quali sono i vostri tornei in programma?
G: Andremo a Brugges, abbiamo bisogno di confrontarci con le altre squadre europee. Non ci siamo dati una posizione da raggiungere, vogliamo giocarcela al massimo con tutte, anche in previsione della champions.

P: Quindi è questo il vostro obiettivo del campionato?
G: Lo scorso anno puntavamo semplicemente alla salvezza e abbiamo sfiorato il 3° posto. Quest’anno è indubbio che vorremmo ripartecipare ai regionals. A settembre non siamo riusciti a qualificarci alle finals anche perchè nel regionals abbiamo affrontato le migliori 6 squadre d’Europa. Durante il campionato vedremo la situazione alla fine di ogni tappa, cercando di ottenere il massimo da questo 2017. Non vogliamo lasciarci rimpianti alle spalle.

Piero Pisano
Piero Pisano

Appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente: tutto per un disco di plastica