SunDisc 2017: “Portiamo l’estate prima del previsto”.

Sardegna: pensieri di estate, di mare azzurro, di cielo limpidissimo, di spiagge dorate e… di un frisbee volante! A rappresentare il nostro sport preferito sull’isola sono gli Ichnos Flying Disc, squadra di ultimate di Cagliari, che ha portato il SunDisc, torneo hat-mixed a pochi chilometri dal capoluogo sardo, alla terza edizione. Noi di Itadisc non potevamo perdere l’occasione per darvi un assaggio di estate, parlandone con l’organizzatore Stefano Soi.

L: Sia il SunDisc che gli Ichnos sono realtà giovani. L’evento contribuisce  in qualche modo a espandere il movimento in Sardegna?
S: L’espansione del frisbee sull’isola è sicuramente uno degli obiettivi principali dato che da noi l’ultimate è uno sport di nicchia, ancora di più di quanto non succeda sulla penisola. Avere la voglia di organizzare e in seguito realizzare tornei non è semplice. Tuttavia, i risultati ottenuti gli scorsi anni hanno suscitato molto interesse anche tra gli isolani. Portare ragazzi della zona ai tornei è importantissimo per far venire loro la voglia di prendere parte ad altri eventi, magari spostandosi e facendo qualche sacrificio. Bisogna far loro capire che partecipare ai tornei è divertente.


L: Parliamo un po’ del torneo. Cosa riserva la Sardegna ai partecipanti?
S: Il torneo si svolgerà il 22 e 23 aprile in un comune vicino a Cagliari e sarà un classico torneo hat-mixed su spiaggia. Tutte le informazioni sono reperibili su Facebook, Ultimate Central e sul sito ufficiale del torneo. Cerchiamo di far vivere ai partecipanti gli aspetti migliori della nostra isola, a partire dal fatto che, grazie al clima meraviglioso, siamo in grado di portare l’estate prima del tempo; e poi il mare, le spiagge, l’accoglienza…

L: Come sta andando il reclutamento?
S: Molto bene, siamo a circa 120 iscritti e siamo molto contenti, sapendo che spesso i tornei hat sono evitati da molti giocatori. La particolarità che rende il SunDisc ancora più speciale è la partecipazione al torneo di giocatori da circa venti nazionalità diverse: oltre a tantissimi giocatori da tutta Europa, avremo partecipanti da Stati Uniti, Messico, Colombia, Bolivia e Camerun. Per loro è un momento per visitare una delle isole più belle del Mediterraneo divertendosi, per noi è un momento di confronto e di crescita complessiva per tutto il movimento. Teoricamente le iscrizioni sono chiuse, anche se qualche posticino last minute potrebbe essersi liberato…

L: Come convinceresti un indeciso a partecipare al SunDisc 2017?
S: Puntiamo molto sul fatto che questo torneo offre la possibilità di giocare a frisbee e di godersi un posto bellissimo. Il SunDisc è un torneo fortemente incentrato sul divertimento e per massimizzare l’esperienza cerchiamo sempre di convincere i nostri ospiti a rimanere qualche giorno in più per assaporare ogni aspetto della Sardegna.

(Immagine di copertina di Nicola Belillo)

Piero Pisano
Piero Pisano

Appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente: tutto per un disco di plastica