A Vicenza i Frisbaobab stanno crescendo.

Ormai esistono da 4 anni ma non riescono ancora ad essere abbastanza per partecipare ai campionati. Andiamo a conoscere questa “nuova” squadra del panorama italiano con Francesco Zampese, uno dei fondatori insieme a Marco Zampese, Luca Carboniero e Riccardo Tapparo.

P: Come e quando è nata la squadra?
F: In teoria già dal 2007, grazie ad una prof “illuminata” che conosceva lo sport: mi ero appassionato e avevamo iniziato a giocare con la classe ed altri amici. Ma quando mi sono trasferito a Padova per l’università è finito tutto. Lì ho iniziato a giocare con i Puf grazie ad un corso che organizzavano per gli universitari, e quando sono rientrato a Vicenza nel 2013 si può dire che sia nata la squadra vera e propria, i Frisbaobab, sotto la guida del coach padovano Cristian Panelli. All’inizio in maniera molto spartana poi dal 2014 con il nostro attuale campo da gioco e i 2 allenamenti settimanali.

P: Come mai non avete mai partecipato i CIU come squadra?
F: Purtroppo non siamo mai riusciti ad avere un numero sufficiente per partecipare, dopo un buon inizio, nel 2016 abbiamo avuto un calo per motivi di lavoro di molti giocatori. Così in questi anni ci siamo accontentati di partecipare singolarmente come giocatori, prima con Padova e quest’anno con gli Ufo di Trento, ma stiamo lavorando per aumentare i numeri ed arrivare pronti per il 2018. Ci piacerebbe molto partecipare il prossimo anno come squadra di Vicenza.

P: A quali tornei partecipate?
F: Soprattutto indoor, dove riusciamo ad essere autonomi e iscriverci come squadra. Per i tornei 7vs7, stiamo nelle vicinanze e cerchiamo ospitalità in altre squadre o nelle pick-up, in modo da continuare a migliorare e portare sempre più esperienza in squadra. Facciamo promozione nelle scuole e nel territorio ma purtroppo non con il successo che speravamo di ottenere. Non molleremo e con la nostra società sportiva “In Movimento” continueremo a lavorare per diventare una vera squadra nel panorama italiano. Intanto a inizio giugno ci potete venire a conoscere partecipando alla 2° edizione del nostro torneo Hat, il Magna G’Hat.

Piero Pisano
Piero Pisano

Appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente: tutto per un disco di plastica