WCBU Day 4: Mixed agli ottavi, Open nel pool basso

Ancora una giornata positiva per la mixed, che chiude il girone al primo posto e si assicura un posto agli ottavi di finale. Male invece la Open, che gioca bene nelle partite più difficili e in quelle da vincere commette troppi errori.

MIXED

La partita decisiva per confermare il primo posto nel girone è quella contro l’Olanda. Seguitissima dall’Italia la diretta facebook (per chi volesse vedere  il video è ancora visibile sulla pagina… grazie Francesca Mursia) e tanta energia messa in campo dai nostri azzurri.

<La sfida è tirata> commenta Davide Morri <le loro donne sono più alte delle nostre ma non sono più forti e anche stavolta decidiamo di giocare con soli 2 uomini ogni volta che è possibile>. Si inizia subito punto a punto e solo sul 3 pari arriva il primo break difensivo in favore dell’Italia. Il primo tempo si chiude 5-4 per noi, con un piccolo ma fondamentale vantaggio. Nella ripresa partiamo subito bene e allunghiamo, fino al 7-4. Poi controlliamo la partita, chiudendo velocemente le nostre mete e rendendo difficile la vita agli olandesi durante i loro attacchi, che durano sempre più di 5 minuti. A fine gara il risultato è 9-6 e il primo posto è assicurato!

Grande soddisfazione per la squadra, che si posiziona davanti a squadre più blasonate, come gli Usa. Ora però ci sono i cugini canadesi da affrontare nella partita di crossover per stabilire il seeding dell’ottavo di finale.

<Gli avversari erano temibili, alcuni di loro giocano in Audl> ricorda Morri <ma erano alla nostra portata>. Anche a causa di un forte vento che rendeva difficile sparare lungo, la mixed non gioca al meglio e sbaglia tanto col disco in mano. A fine partita, saranno 4 le mete segnate dalla linea di attacco, le stesse segnate dalla difesa.

L’Italia rimane attaccata fino al 2-2, poi le cose iniziano a non girare più e il Canada allunga fino al 3-6. Ma un grande recupero ci riporta sul 6 pari. Dopo l’half è di nuovo il Canada che allunga e sembra andare verso la vittoria, ma riusciamo ancora una volta ad agganciarli sull’8 pari. Qua abbiamo il disco per andare finalmente in vantaggio, ma prendiamo un intercetto su un lancio lungo e ci lasciamo ancora una volta sorpassare. Anche l’ultima meta è per il Canada, che chiude 8-10. Peccato.

La sconfitta comunque non ci preclude nulla. Siamo agli ottavi. Incontreremo GB, mentre se avessimo vinto la partita precedente avremmo incrociato la Repubblica Ceca. Appuntamento domani alle 9 con gli inglesi (speriamo con la diretta facebook). <Loro sono forti ma proveremo ancora una volta a giocare spesso con 3 donne in campo> ci anticipa Davide Morri. Intanto ci gustiamo un Fabio Galli al 6° posto nelle statistiche generali della divisione mixed, con 13 assist e 16 mete.

OPEN

Avrebbe dovuto essere il giorno del riscatto, ma purtroppo per la Open continuano a non arrivare vittorie. Si inizia con la Germania, squadra di alto livello che mette in forte difficoltà l’attacco azzurro, con una difesa verso veramente stretta. L’Italia prova con delle soluzioni lunghe ma non tutti gli spari vanno a buon fine e la partita si chiude 6-13.

La partita successiva è contro le Filippine, squadra tra le migliori viste fin qui nella divisione open. Si parte bene con l’Italia in vantaggio, poi si mette in moto la difesa avversaria che rifila 9 difese consecutive ai nostri azzurri. Il match sull’1 a 10 sembra chiuso, e invece una grande prestazione di Giulio Cortellini e una zona preparata ad hoc consentono un miracoloso recupero. Si arriva fino al 6-10 col tempo finito e con le Filippine che riescono a trovare la meta della vittoria. Morale comunque alto per la grande prestazione e per il gioco dimostrato in campo.

Si arriva così all’ultima partita del giorno contro l’Estonia, con una sola vittoria nel girone. Sembra una partita alla portata, ma anche stavolta le cose non girano al meglio e nel finale crolliamo. Rimaniamo in partita fino al 3 pari, poi subiamo diversi break e riusciamo a riagganciarli solo sul 6-7. Poi ancora vuoto, l’Estonia chiude 6-11. <Abbiamo sbagliato troppo, 5 errori non forzati di presa non si possono fare a questo livello> ci dice un arrabbiato Edoardo Trombetti. <Ce lo siamo detti senza rancore, il clima in squadra è buono. Ora avremo solo partite alla nostra portata, dobbiamo riscattarci. Intanto questo mondiale ci sta dando tanta esperienza, molti sono alla prima convocazione in nazionale e siamo sicuri che questo mondiale ci farà crescere>.

Per la open l’appuntamento è alle 14.50 contro la Polonia.

(Foto di copertina di Danilo Ferroni al Paganello concessa dalla Lsdf)

Piero Pisano
Piero Pisano

Appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente: tutto per un disco di plastica