Il primo torneo master del 2020 se lo aggiudica Trento

I Ghostmaster – UFO di Trento si aggiudicano il primo torneo master del 2020. Battuti in finale i Wise Gators. E’ lo specchio di una sezione dell’ultimate che sta crescendo. A marzo la Federazione ha in programma il primo Campionato italiano di categoria.

La stagione 2020 per i master si è aperta domenica con la ‘Winter Iron Cup’ di Padova, il torneo indoor giunto alla sua seconda edizione che, oltre alle divisioni men e women, ha visto schierate 4 squadre old mixed (età over 33 per i maschi e 30 per le femmine), impegnate in un unico girone; per tutti 25′ di partita, 5vs5 e nel pomeriggio semifinali e finali.
Ad aggiudicarsi il torneo sono stati i Ghostmaster – UFO di Trento, squadra di giocatori di esperienza che ha concluso l’intero torneo aggiudicandosi tutte le partite e battendo in finale per 11 a 4 i Wise Gators – Alligators, domenica in formazione ridotta.
Vincono lo spirito del gioco gli Oldastrej, squadra formata dai vecchi Barbastrej padovani; alcuni ora impegnati in altre squadre venete, altri a ‘riposo’ da tempo, ma che non hanno resistito al richiamo di 175 grammi di plastica.
A chiudere la classifica i Barbacanaje, ‘padroni’ di casa essendo i master del CUS Pd, squadra interamente composta da giocatori beginners con 1 anno di esperienza, che è riuscita comunque a bloccare sul 6 pari i Wise Gators nella partita d’esordio e ad impegnare nuovamente la squadra della Polisportiva Masi di Casalecchio in una partita supplementare che si è resa necessaria per definire la classifica del girone dopo l’incredibile parità per numero di punti, mete fatte e subite; partita che i bolognesi si sono aggiudicati allo universe.
Nel pomeriggio la partita più tirata è stata la semifinale Oldastriej – Wise Gators. I primi l’hanno condotta quasi sempre in vantaggio senza però riuscire a staccare gli avversari che li hanno prima raggiunti e poi superati fermando il punteggio finale sul 9 a 7.
Soddisfatto Roberto Calzà, giocatore, capitano e animatore da anni del mondo ultimate a Trento e in Valsugana: <Questa dei Ghostmaster è la prima uscita dopo che a settembre abbiamo deciso di formare una squadra master, raccogliendo la disponibilità di giocatori over 33 e di beginners. Purtroppo a Padova non siamo riusciti a portare i principianti ed abbiamo integrato i ranghi con giocatori provenienti dai Goats di Bolzano. Ma è nostra intenzione insistere nel far crescere anche da noi la master. La nostra squadra fa parte della Polisportiva Oltrefersina e speriamo di attirare ‘verso il disco’ sportivi che frequentano l’impianto che da gennaio gestiamo a Pergine. Non so però se faremo in tempo a crescere per il primo campionato italiano master che la Federazione ha annunciato per il 28 e 29 marzo. Se ci fosse la possibilità di inserire alcuni pick up sì, altrimenti per quest’anno la vedo difficile>.
Peccato che al Winter Iron Cup non abbiamo potuto partecipare anche i Flying Donkey di Milano e i Cotequila Vintage di Rimini, le altre squadre del movimento master italiano che si sta lentamente formando.
La strada dello sviluppo di questa divisione l’hanno senza dubbio segnata i Wise Gators, da 3 anni a questa parte: nuovi innesti su giocatori di esprienza. Infatti a Padova hanno giocato con 2 donne della nazionale femminile master e 3 nazionali della maschile, suddivisi fra master e grand master.
E i Wise non difettano della voglia di organizzare tornei: “Dopo l’ottima esperienza del primo BIGMUT, Bologna International Grand Master Ultimate Tournament svoltosi a giugno ’19 siamo quasi pronti per lanciare l’edizione 2020, sempre ad inizio estate. Mi risulta che sia l’unico torneo master internazionale che si gioca in Italia e l’unico Grand Master sull’erba in tutta Europa. Gli altri si disputano sulla sabbia> riferisce orgoglioso Alejandro ‘Ara’ Aragon.
Un interesse crescente per le master che si è già tradotto in risultati per le nazionali: dopo l’esperienza chiusa all’8° posto a quelli beach in Portogallo, ad ottobre a Madrid sono arrivati gli argento della Grand Master maschile ed il bronzo sia per la Master femminile e che per quella maschile.
Quindi ottimi presupposti per un buon 2020 (a tutti)!
Articolo di Andrea Nicolello Rossi
Piero Pisano
Piero Pisano

Appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente: tutto per un disco di plastica