Stagione 2020: cosa aspettarsi

E’ giunto il momento: si ordinano i dischi nuovi, si decide se la vault vest è ancora intera, si prepara la base, google maps in mano si cerca di capire quanti chilometri si faranno durante questa stagione, a poche settimane dall’inizio sono più i dubbi delle certezze. Una certezza però ve la dò io, quest’anno ci divertiremo.

Davanti a noi un calendario carico di impegni, i motori scalpitano e pure i nostri amici a quattro zampe.
Come ogni anno i primi mesi saranno di rodaggio per tutti, entrare in confidenza con le modifiche apportate alla propria routine e di nuovo col campo gara, le emozioni che si accavallano, rincontrare vecchi amici e farsene di nuovi, capire se il lavoro fatto in inverno ha funzionato o meno.
Dopo i primi due tre mesi inizierete ad ingranare, a vedere i primi risultati e forse a portare le prime soddisfazioni a casa. Fino ad arrivare all’estate dove si tireranno le somme per capire se i punti basteranno per le finali. Le gare in programma sembrano molte ma come sappiamo per l’UFO i punti non sono molti, obiettivo delle major sarà rientrare nella TOP 10, e ovviamente non sarà semplice visti i numeri che gli organizzatori si aspettano e con sole due opportunità in Italia saranno molti i giocatori ad espatriare in cerca di punti, ad esempio nella vicina Svizzera, come saranno molti i giocatori stranieri a venire nel bel paese in cerca del colpo grosso, quindi tutti agguerriti.
L’anno sarà pieno, è bene sin da subito capire a quali gare si potrà partecipare e porsi obiettivi chiari, in modo da focalizzare la preparazione e le proprie energie, senza perdersi nessuna possibilità. Sarà dunque una annata tosta, a mio parere molto più del 2019 visto che per i mondiali serviranno 90 punti, e tutti vogliono partecipare e dimostrare quanto valgono.
Altro aspetto importante che farà la differenza sarà la preparazione atletica del binomio, per evitare possibili infortuni vista la mole di lavoro richiesta.
Per concludere colgo l’occasione per fare gli auguri a tutti i giocatori che quest’anno metteranno piede in campo, spero di vedere gare partecipate e piene dello spirito di fraternità e divertimento alla base del disc dog. Good luck!!