Intervista a Chantal Mattioli

Chantal Mattioli, nata in Svizzera trasferita in Italia per amore negli ultimi anni e adottata dal movimento italiano, è una delle giocatrici più concrete e preparate, istruttrice educatrice cinofila della federazione cinologica Svizzera e istruttore gentle team, gioca a disc dog da 6 anni, attività conosciuta in rete, su youtube, incuriosita dalla disciplina ha subito cercato un istruttore nella sua zona.  

Dopo la prima lezione è subito amore, la dinamicità, la flessibilità e la personalizzazione che contraddistinguono questa disciplina hanno lasciato sin da subito il segno, da qui è iniziato tutto. Nella sua lunga carriera Chantal ha sempre giocato con la ormai famosa Highlight, border collie di 7 anni con la quale gareggia tutt’ora, da un po’ di anni è arrivata anche Jungle, sempre border collie di 4 anni che ora fa coppia fissa con Riccardo Menarini, il compagno di Chantal, a cui dobbiamo molto se non fosse per lui “Chanty” sarebbe ancora in Svizzera. La stessa Chantal sottolinea come il rapporto con Riccardo sia importante, poichè il sostengo, la collaborazione e mi permetto di aggiungere l’intesa che si è formata rafforza la passione di entrambi, producendo risultati incredibili. Risultati che arrivano anche grazie ad una metodica di allenamento collaudata e specifica, per Chanty l’allenamento è a 360 gradi, parte dalla mente passando per preparazione fisica del cane a quella tecnica specifica per questa disciplina, 3 sedute alla settimana dove è fondamentale la pianificazione, dando così la possibilità di arrivare al campo e sapere sin da subito cosa fare, l’allenamento dev’essere “specifico e funzionale”, durante ogni allenamento Chantal lavora con tutti i suoi cani con tempistiche di riscaldamento, allenamento, e defaticamento specifiche per ognuno, ricorda poi che per il resto del tempo i suoi cani fanno i cani.

Parliamo ora del gioco, definito “Chanty style”, caratterizzato da concretezza, armonia e comunicazione con un occhio anche a trick e coreografia, un insieme di tecnica ed “arte”, Chantal nel rispondermi ha precisato che: “ci tengo a portare in campo esercizi ben costruiti e non cose improvvisate”. IL suo stile descrive perfettamente la filosofia di Chantal per cui un buon conduttore riesce e deve valorizzare al massimo le capacità del proprio cane, in modo che il binomio tragga il massimo beneficio, bellissima è la sua frase che riporto paro paro: “dev’esserci il giusto equilibrio nella coppia per riuscire ad esaltare tutti i punti forti di entrambi”. Come ben sappiamo Chanty in gara è una macchina da guerra, concentrata e metodica, ma cosa la rende così focalizzata? lei stessa ammette di avere un ottimo rapporto con le competizioni, dove convive con l’adrenalina che attiva e la rende pronta e il piacere della convivialità delle gare, Chantal definisce le gare micro vacanze vissute con amici, notti in camper e ovviamente i suoi cani. Gare e formati, ogni giocatore ha un formato che predilige, che più si addice alle sue caratteristiche ed al suo gioco, per Chantal questo formato è l’USDDN, dove nel freestyle è premiata anche la parte coreografica e innovativa, inoltre i 30 secondi in più nel distance non guastano.

Io ho conosciuto Chantal un paio di anni fa, ho avuto la fortuna di allenarmi con lei un paio di volte, la cosa che più mi ha colpito è l’attenzione al dettaglio e la pulizia nel suo lavoro, il tutto condito da una personalità solare che rende ogni allenamento piacevole. Vi lascio con una frase emersa in questa intervista a cui tengo molto: “Per me il disc dog è un motivo di crescita e di lavoro personale con il proprio cane, uno strumento per migliorarci nella relazione e per conoscerci meglio. Uno sport dove si può esprimere la propria personalità e creatività.”