Intervista a Charlie Pickthall sul futuro del disc golf in Italia

Si sono appena conclusi i campionati italiani di disc golf. Abbiamo intervistato Charlie Pickthall per farci raccontare come sono andati e cosa ci aspetta per i prossimi mesi.

Appena concluso il primo campionato italiano di disc golf, abbiamo chiesto a Charlie Pickthall, presidente de Il Disc Golf Asd quali siano le prossime mosse del movimento:

<Siamo molto soddisfatti di come si è svolto il campionato. Abbiamo scelto il percorso di Pescia, nell’agriturismo di Pietrabuona, perchè è un percorso non conosciuto da tante persone; se avessimo scelto un altro percorso (come quelli di Milano, Padova, Vicenza o Parma) avremmo avvantaggiato troppo quelli che abitualmente si allenano lì.

Uno dei motivi che ci ha spinto ad organizzare questo evento è stato il fatto che, per partecipare agli Europei, non avevamo un meccanismo di selezione per i migliori giocatori: era quindi indispensabile organizzare un campionato italiano.

Il secondo motivo è che stiamo cercando di ottenere sempre più credibilità agli occhi della PDGA e della EDGF per poi avere più aiuti nella promozione di questo sport, visto che le federazioni sono intenzionate e promuoverlo nei paesi in cui è ancora agli inizi.

Per la fine di quest’anno e l’inizio de 2021 abbiamo in programma la winter league con i classici appuntamenti mensili domenicali (aperti a tutti i giocatori, sia esperti che neofiti) per poi tornare all’autunno con il campionato italiano. Non c’è fretta per creare un campionato a tappe, nel 2021 rimarremo col campionato che si gioca per un intero weekend, 54 buche, dopo si vedrà.

Intanto ci godiamo questo momento, ci stiamo strutturando e stiamo crescendo. Siamo fiduciosi.

Piero Pisano
Piero Pisano

Appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente: tutto per un disco di plastica