Covid19: la situazione in Svizzera

Abbiamo intervistato Giacomo Tenaglia, ex giocatore del Cusb e attuale allenatore della nazionale mixed svizzera. Vediamo come si stanno allenando oltralpe. 

Giacomo Tenaglia: Gli allenamenti sono ripresi a giugno, ogni società ha dovuto mettere in piedi un protocollo da seguire: tracciamento dei contatti, igiene delle mani, stare a casa se si è malati, niente spogliatoi.

Bisogna sapere che qua la situazione è molto diversa da cantone a cantone: nella parte francese ci sono stati molti casi, in quella tedesca invece pochi. Inoltre la mascherina è obbligatoria solo dai 12 anni in su.

Per quanto riguarda i tornei, dopo la prima ondata ne è stato organizzato uno a inizio giugno e un altro si è svolto a Berna la settimana scorsa. I campionati invece sono stati prima posticipati poi annullati, ma questo fine settimana ci saranno i campionati junior indoor.  La nostra società ha deciso di non partecipare ed essendoci comunque poche squadre non credo che varranno come classifica ufficiale.

Per le nazionali, la federazione ha autorizzato i raduni ma i giocatori possono decidere di non partecipare se hanno timori riguardanti il Covid19: questo tipo di assenze non deve comunque avere influenza sul processo di selezione.

Come ovunque la situazione è in evoluzione, potrebbero scattare dei lockdown locali nei prossimi giorni.

Piero Pisano
Piero Pisano

Appassionato, tifoso, giocatore, allenatore, dirigente: tutto per un disco di plastica